Storica gioielleria e orologeria nel cuore di Busto Arsizio (VA)

Locman Decimo Canto: La “divina” orologeria
 

Che cosa lega Locman e Dante Alighieri, a parte la comune origine toscana? 
La nuova collezione: Locman Decimo Canto.

L’orologio meccanico era già conosciuto e presente in Italia nel 1300, come ci dimostra Dante Alighieri, infatti uno dei primi riferimenti letterari a un orologio meccanico non da campanile, lo troviamo proprio all’interno della Divina Commedia: “Indi, come orologio che ne chiami / ne l’ora che la sposa di Dio surge / a mattinar lo sposo perché l’ami”.
Con questa fraseDantenel X Canto del Paradiso, fa riferimento alle suonerie dei cosiddetti svegliatori monastici, che servivano a richiamare i monaci dal sonno alle loro funzioni mattiniere.

 


Ispirata da questa meravigliosa storia e dopo molti anni di esperienza, nasce dalla creatività e dalla competenza di due esperti del settore, Marco Mantovani (Presidente Locman) e Sandro Fratini (uno dei più importanti collezionisti al mondo di orologi e ideatore del marchio L’O, anchesso toscano), una collezione che unisce tecnologia, creatività e artigianato: Locman Decimo Canto

Un orologio artigianale fatto su misura.

 
 

La cassa di Decimo Canto, con un diametro di 38 mm e realizzata in titanio lucido, ha una lavorazione a tre balze, che ricordano le tre cantiche della Commedia, unite da quattro anse che la abbracciano fino al cinturino.

La corona, con guarnizione interna o-ring garantisce un’impermeabilità fino a 5 atmosfere ed è decorata con una pietra che richiama il materiale del quadrante.

Il cinturino in pelle è in tono a evidenziare il carattere di ogni orologio che è abbinato a un bracciale in titanio lucido nella versione più tecnica.

I quadranti di Decimo Canto sono realizzati con pietre dure che rendono esclusivo ogni segnatempo con disegni e sfumature unici: madreperla, lapislazzulo, malachite, occhio di tigre, diaspro rosso e turchese. Le versioni più preziose hanno diamanti bianchi naturali incastonati sul quadrante e sulle anse della cassa.

Decimo Canto monta il movimento meccanico a carica manuale Made in Italy OISA Calibro 29-50 Cinque Ponti, ammirabile attraverso il fondello in cristallo colorato, che richiama le tonalità del quadrante. Il movimento si presenta con una lavorazione Còtes de Genève fatta a mano sui ponti che racchiudono il ruotismo e una lavorazione a Perlage, sempre fatta a mano, sulla platina. Dotato di 19 rubini, è caratterizzato da una regolazione del tempo di tipo “Masselottes”, che avviene tramite dei contrappesi posti sul volantino del bilanciere, anziché attraverso la classica racchetta di regolazione situata sul ponte del bilanciere. L’autonomia di carica è garantita 60 ore, con una tolleranza cronometrica giornaliera di +/- 10 secondi.
 

Oltre ad essere la collezione a oggi più preziosa del marchio, Locman Decimo Canto è anche un tassello all’interno di un progetto più strutturato chiamato LocmanX. Si tratta di una linea che comprende in sé le collezioni mosse da calibri di manifattura: al momento ci sono il Montecristo Oisa, il Montecristo per l’Amerigo Vespucci, la nuova collezione Aethalia e, appunto, Decimo Canto.

Guarda la magia del gioiello perfetto Prenota appunatemto in negozio Prenota un appuntamento in negozio Modalit√† Regalo La modalità Regalo è disattivata
Nessun prodotto nel carrello.
  • sub-totale 0,00 €
  • spedizione 0,00 €
  • totale 0,00 €